!css

Possiamo credere che l'80% degli aum sia grossomodo guidato da strategie di investimento responsabile?

26/11/2019

Quanto sono autentici ed efficaci gli sforzi per implementare un atteggiamento di investimento responsabile (RI)? Si tratta solo di greenwashing per nascondere vecchie abitudini immutate? In AG2R LA MONDIALE sosteniamo di detenere circa il 100% di AuM nell'ambito dell'investimento responsabile, e per tale motivo affronterò prima il nostro caso specifico, per poi procedere a un esame più generale del settore.

Tutto dipende dal grado di aspettativa: una politica di investimento responsabile consiste nell'introdurre criteri non finanziari nella gestione degli asset (ovvero un'obbligazione di mezzi)? Oppure mira a produrre portafogli altamente virtuosi dal punto di vista ESG (ambientale, sociale e di governance) (ovvero un'obbligazione di risultati)?
AG2R LA MONDIALE possiede circa 100 miliardi di euro di AuM1:

  • di cui quasi il 100% rientra nel quadro della nostra politica di RI, come sosteniamo;
  • di cui 10 miliardi di euro sono investiti in fondi di investimento sostenibile e responsabile (SRI) interni di lunga data, conformi a un elevato rating ESG.

La differenza tra RI e SRI è data da una sola lettera, S, ma questo non significa che il RI non includa la dimensione "sociale": indica piuttosto che il RI non è pensato per essere così selettivo come i fondi SRI. Se fosse ancora possibile, sarebbe auspicabile rinominare l'acronimo SRI come "Selective Responsible Investment", ovvero "investimento responsabile selettivo" (obbligazioni di risultato), che si abbinerebbe efficacemente con RI (obbligazione di mezzi) per coprire l'intero spettro delle possibili politiche.
La nostra politica RI è quindi principalmente un'obbligazione di mezzi. Abbiamo stabilito, prima dell'attuazione della legge francese sulla transizione energetica, una politica interna per inserire considerazioni extra-finanziarie nel nostro processo di investimento e contribuire agli obiettivi generali dello sviluppo sostenibile. I nostri problemi si sono ripresentati nel marzo 2018, quando la società ha firmato il PRI, in qualità di asset owner, impegnando tutti i nostri AuM, non solo gli asset all'interno della nostra società di asset management. Questa obbligazione di mezzi, spesso denominata "integrazione di ESG", può essere difficile da quantificare o illustrare con prove concrete, ma è una vera e propria pratica quotidiana, a partire dalla tradizionale "riunione mattutina", che prevede interventi degli analisti ESG, insieme ad altri analisti e fund manager (tutti i fund manager, non solo gli specialisti SRI). Tutti i gestori hanno accesso al database ESG proprietario dell'azienda. Agli emittenti di obbligazioni e azioni viene fornita una annotazione,
basata su un'ampia gamma di criteri ESG. Anche gli analisti creditizi incorporano questi punteggi ESG nella propria valutazione, così come l'analisi del rischio basata sul paese. L'integrazione di ESG va oltre il semplice processo di informazione. Comprende anche una serie di esclusioni settoriali (le armi più controverse, il tabacco e il carbone) e una politica di voto attivo nelle assemblee generali, simile a quella utilizzata per i nostri fondi SRI.

Questi fondi SRI hanno rappresentato storicamente il nostro primo passo in materia di RI all'inizio degli anni 2000. Sono gestiti con un classico approccio bestin- class, in cui gli emittenti sono selezionati in primo luogo sulla base dei punteggi ESG, che devono essere pari o superiori alla media del settore. Si arriva così alla selezione finanziaria. Questo metodo fornisce un alto grado di selettività, dato che circa il 50% dell'universo di investimento è escluso. In tal modo si assicura inoltre che non venga escluso l'uno o l'altro aspetto ESG, il che è particolarmente importante in un momento in cui le questioni ambientali tendono ad assumere una posizione di rilievo senza dimenticare le sfide sociali o di governance. La selettività può essere vista come prova tangibile o impegno, come azione intrapresa da un investitore. È adatta alla revisione esterna e all'etichettatura, infatti abbiamo accolto con favore la creazione di un'etichetta pubblica SRI in Francia. Può contribuire in modo significativo a ridurre i sospetti che ciò che viene spacciato come ESG sia di fatto solo greenwashing. Tutto questo costringerà gli asset manager a essere più trasparenti e coerenti nei loro processi. Tuttavia, selettività significa esclusione. Quale parte dell'economia globale è adatta o politicamente idonea all'esclusione dall'accesso ai fondi: energia, trasporti, attività minerarie, attività bancarie?
L'approccio best in class affronta in parte la questione mantenendo una posizione univoca per tutti i settori (salvo alcune esclusioni molto limitate: tabacco, carbone, ecc.). Tuttavia, l'approccio best-in-class esclude metà delle aziende. Pertanto, per definizione, non può essere esteso al 100% dell'universo di investimento. In questo modo i fondi SRI possono essere la punta di diamante dell'approccio d'investimento RI, essendo anche il primo passo per stimolare chi ancora indugia nell'adozione di criteri ESG. Ma è difficile vederli conquistare il 100% di AuM.
Si spera che in futuro la distinzione tra RI e SRI possa diventare più sottile. 

  • i criteri per i buoni risultati di una politica RI possono essere calcolati progressivamente in termini assoluti, piuttosto che in termini relativi, come avviene oggi nei metodi bestin- class. A tal fine, sono necessari progressi verso criteri ESG più standardizzati e misurabili delle imprese e degli stati.
  • Le pratiche scorrette in ambito ESG possono tendere a essere progressivamente bandite in modo che l'universo di investimento diventi sempre più compatibile con lo sviluppo sostenibile e il mondo reale con esso.
1 AG2R La Mondiale Website. 2018 financial report. www.ag2rlamondiale.fr/investors/financial-results

Philippe BROSSARD

Chief Economist and Head of Responsible Investment - AG2R LA MONDIALE

Philippe started his career with the French Treasury, as a delegate for monetary policy and then for the supervision of publicly-owned companies in the Energy Sector. He has also managed international teams of economists and financial analysts at Credit Lyonnais, ABN AMRO, Fortis and Euler Hermes. Philippe graduated from Ecole Normale Supérieure and is a professor in social and economic sciences.


Philippe Brossard Chief economist and Head of Responsible Investments Ag2R La Mondiale
Ti è piaciuto questo articolo ?
+1
0