!css

SRI e clientela privata: La situazione attuale

14/11/2019

L'investimento sostenibile e responsabile mira a conciliare la performance economica e l'impatto positivo. Sulla carta, questo obiettivo unisce e attira diversi investitori. Il motivo è semplice: negli ultimi anni, la comunicazione sui temi vitali a tutela della fauna e della flora o il movimento a favore della protezione del clima sono regolarmente sotto i riflettori dei media, poiché le giovani generazioni si impegnano a fondo in questi temi, sentendosi coinvolti personalmente.

Detto ciò, qual è la situazione relativa alla trasposizione di queste problematiche nelle politiche di investimento dei clienti privati?

Mentre l'investimento sostenibile e responsabile, o SRI, è popolare tra il grande pubblico, attualmente questo interesse non si riflette nelle loro dotazioni finanziarie, contrariamente a quanto avviene per gli investitori istituzionali. Le ragioni sono molteplici.

In primo luogo, i clienti finali non perdono occasione per accusare i player dei mercati finanziari di appropriarsi di cause unicamente per motivi d'interesse. Molti rilevano la natura eccessivamente "marketing" degli approcci di queste società di gestione dei fondi, con l'unico scopo di attrarre nuovi clienti. I tentativi di greenwashing sono ancora presenti nel subconscio collettivo delle persone. Quando si studiano questi fondi "certificati" in modo più approfondito, non è raro infatti osservare che spesso si tratta semplicemente della rielaborazione di posizioni già esistenti tra altri fondi interni, che la società di gestione fondi ha appena riunito in un unico nuovo fondo specifico. In sostanza, stanno semplicemente riorganizzando i vecchi prodotti in una nuova confezione; è cambiato solo l'imballaggio.

Inoltre, la mancanza di leggibilità e trasparenza dei fondi offerti non invoglia certo i clienti a sottoscrivere i fondi offerti. Lo stesso vale per gli intermediari finanziari. Le società di gestione fondi sono spesso criticate dai consulenti finanziari, attraverso l'uso di queste certificazioni, di cavalcare un'unica ondata di tendenze mediatiche e di offrire questo tipo di collocamento solo perché un fund manager rivale ha deciso di implementarlo nella propria strategia di gestione.

Inoltre, le posizioni di questi fondi non sono rese completamente trasparenti dagli asset manager e agli occhi del pubblico non sembra esistere un SRI al 100%. In effetti, la definizione stessa di certificazione SRI fa riferimento ad aziende il cui DNA è all'estremo opposto di quello che i clienti si aspettano da questo punto di vista. La certificazione SRI è quindi di per sé un ostacolo al proprio sviluppo. Ogni società di gestione fondi può interpretarla a modo proprio e quindi focalizzarsi su criteri che mirano a definire un'etichetta che può variare da un'impresa all'altra. L'approccio best-in-class ne è un esempio perfetto. I fondi scelgono gli emittenti con le migliori pratiche ESG ed escludono gli emittenti a basso rating, anche all'interno dello stesso settore. Le imprese che operano nei settori del carbone, dell'energia fossile, delle armi o del tabacco possono quindi essere inserite nell'elenco solo perché la loro classificazione ESG è migliore di quella dei loro colleghi. E che dire di temi come l'ecologia per queste aziende? Raramente il cliente viene messo a conoscenza di tali aspetti.

Auali sono quindi gli strumenti per accompagnare lo sviluppo del SRI presso una clientela privata?

Con lo sviluppo di queste considerazioni, sono comparsi nuovi portali web il cui obiettivo principale è quello di sostenere la "nuova finanza", conciliando così redditività ed etica. Il cliente ha così la possibilità di accedere a un elenco regolarmente aggiornato di fondi "certificati", il cui numero è attualmente in crescita.

Gli intermediari finanziari rimangono gli attori ideali per guidare lo sviluppo di questa pratica. A tal fine, è necessario stabilire regole di trasparenza totale e creare pratiche di certificazione per definire un unico processo che consenta a un fondo di essere qualificato come SRI o meno. In questo modo, l'intermediario finanziario sarà maggiormente in grado di accompagnare il cliente con nozioni basilari comprensibili e giustificabili nella propria allocazione globale.

Anche se a prima vista può sembrare semplice, la sua applicazione è più difficile. È importante chiarire che i risparmi finanziari della maggior parte dei clienti privati francesi sono vincolati a contratti di assicurazione sulla vita. A questo proposito, è particolarmente complicato per un cliente privato o un intermediario finanziario mirare a un'assegnazione "SRI", dati i problemi di riferimento da parte dell'assicuratore. La buylist di quest'ultimo è spesso troppo limitativa e restrittiva affinché la consulenza attraverso questi fondi SRI possa essere pienamente espressa. Lo sviluppo del SRI sarà quindi veramente possibile solo quando l'assicuratore potrà credere fermamente che la gamma SRI risponde effettivamente a un'aspettativa del cliente privato piuttosto che del mercato finanziario.

Al contrario, sarebbe più difficile per lo stesso consulente istituire e combinare fondi di investimento certificati e non certificati all'interno dello stesso portafoglio. 

Guillaume LUCCHINI
CEO e partner fondatore - Scala Patrimoine

Con un master in Diritto tributario e della proprietà intellettuale e avendo maturato una notevole esperienza professionale in diverse società di consulenza, Guillaume ha fondato Scala Patrimoine nel 2014. Costruito sul modello degli studi legali con un sistema di fatturazione fee-based, Scala Patrimoine è uno studio indipendente di strategia patrimoniale specializzato nell'assistenza a dirigenti aziendali, management esecutivo e professioni di breve durata. Guillaume è anche membro dell'Institut des Avocats Conseils Fiscaux (IACF).


Ti è piaciuto questo articolo ?
+1
0