Finanza Verde: La normativa dei partecipanti ai mercati finanziari

27/11/2020

Nel novembre 2019, la Commissione europea ha pubblicato il Regolamento (UE) 2019/2088 relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari.

I partecipanti ai mercati finanziari sono coinvolti da normativa. Tuttavia, gli OICVM e i FIA che non desiderano conformarsi e continuano a offrire investimenti non idonei per la tassonomia verde, sono tenuti a dichiararlo chiaramente nella loro documentazione (sito web, relazioni finanziarie annuali, prospetti e altri documenti commerciali). Se i settori “marroni” che stanno compiendo la transizione verso il verde come l'acciaio, il cemento, l'energia nucleare e il gas, e i settori “rossi” come il carbone e il diesel sono inclusi nella loro strategia di investimento, devono essere chiaramente menzionati.

Le aziende che scelgono di produrre e distribuire prodotti verdi devono anche spiegare la loro strategia di investimento sostenibile e giustificare il rischio sostenibile. Non basta citare i settori ammissibili alla finanza verde, come ad esempio l'eolico, ma devono altresì tenere conto del rischio di controparte e classificare le attività finanziarie per settore economico e tipo di investimento. I criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) devono dunque essere giustificati.

Dati necessari per la classificazione ESG

The “sustainability” of an investment product calls for a focused effort on all three criteria, each observed equally. Observation of the environmental criterion, which is the easiest to measure, shall not prevail over observation of social or governance criteria.

Per classificare un prodotto di investimento come “sostenibile”, è necessario raccogliere una gran mole di dati. Nel tentativo di ottenere le informazioni necessarie per classificare un prodotto come “ESG”, assistiamo oggi a una folle corsa per i dati.

I fornitori di dati che si affidano agli indici attualmente più riconosciuti, come l'MSCI, stanno lavorando senza sosta per coprire i criteri richiesti dalla tassonomia verde nei loro database. Purtroppo però, compilare i dati non significa necessariamente saperli usare.

Dai dati messi a disposizione è necessario trarre le informazioni richieste dagli articoli da 3 a 11 del Regolamento (UE) 2019/2088 (modificato dal Regolamento (UE) 2020/852 del 18 giugno 2020), relativo all’istituzione di un quadro che favorisce gli investimenti sostenibili.

I partecipanti al mercato sono pronti?

Alcuni partecipanti già attivi nel settore degli investimenti socialmente responsabili (SRI) e che offrono ai propri clienti prodotti ecologici sono in anticipo sui tempi. I loro prodotti sono certificati “SRI”, ma ciò è sufficiente?

Il mercato finanziario non dispone di dati affidabili che possano essere utilizzati per confermare che un’attività o un prodotto sia conforme a tutti e tre i criteri ESG. Dei tre, il criterio ambientale è spesso il più facile da osservare e controllare. Per gli altri due criteri, il processo risulta più complesso.

Il criterio sociale è difficile da valutare in quanto la maggior parte degli indici non garantisce che una determinata società assicuri, ad esempio, la diversità o l'uguaglianza di genere, né garantiscono che una società non faccia affidamento sul lavoro minorile.

Il più delle volte, l'unico modo per eseguire un controllo è recarsi in loco e controllare le società per assicurarsi che soddisfino il criterio sociale. Si tratta di un compito costoso, soprattutto nei paesi emergenti dove i dati o la trasparenza tendono a mancare.

Le aziende che si occupano della verifica dei prodotti finanziari offerti ai propri clienti dovranno investire in tecnologie e / o risorse umane per garantire il rispetto dei criteri ESG. La strada per ottenere le prove necessarie si preannuncia lunga e costosa.

Quali soluzioni sono disponibili per stabilire questa informazione?

Una Piattaforma Internazionale sulla Finanza Sostenibile (IPSF) è stata fondata nell’ottobre 2019. I membri sono autorità governative di Argentina, Canada, Cile, Cina, India, Indonesia, Kenya, Marocco, Nuova Zelanda, Norvegia, Senegal, Singapore, Svizzera e Unione europea (UE), che rappresentano quasi la metà delle emissioni mondiali di gas serra.

Il primo report, pubblicato a ottobre 2020, ha evidenziato che sempre più giurisdizioni stanno sviluppando standard ed etichette di sviluppo sostenibile. L'IPSF intende supervisionare la creazione di tali standard e formare un gruppo di lavoro per monitorarli.

La distribuzione dei dati ambientali sta migliorando: la maggior parte dei paesi membri della piattaforma ha già stabilito un quadro che garantisce almeno un livello minimo di trasparenza. Tuttavia, vi è ancora una chiara mancanza di coerenza in termini di qualità e comparabilità delle informazioni fornite agli investitori. L'IPSF lancerà quindi un gruppo di lavoro per armonizzare questi standard.

Il report copre anche gli sviluppi nel campo della finanza sostenibile, sottolineando che lo scopo dell'IPSF non è quello di raccomandare strumenti per la finanza sostenibile, ma evidenziare la differenza tra gli strumenti e le iniziative lanciate dagli Stati membri. L'IPSF spera che ciò possa promuovere la convergenza degli standard proposti dalle autorità nazionali. I tre strumenti principali considerati sono la tassonomia, gli standard e le etichette e la trasparenza.

Le sfide per la Commissione e la sua normativa verde

Il regolamento stabilito dalla Commissione europea ha lo scopo di favorire la finanza sostenibile. Un altro obiettivo è aiutare gli investitori internazionali a identificare gli investimenti che effettivamente soddisfano gli obiettivi ambientali di salvare il pianeta.

Sebbene la tassonomia, tramite il Regolamento (UE) 2020/852, crei un sistema di classificazione per aiutare gli investitori a riconoscere più facilmente i prodotti “sostenibili”, non esiste ancora una definizione universale di investimenti verdi.

Per ottemperare al Regolamento (EU) 2019/2088, gli asset manager e le società che producono / vendono prodotti finanziari devono essere in grado di soddisfare chiaramente le esigenze degli investitori, motivo per cui è necessaria una definizione universale.

E il Lussemburgo?

Nell’UE, il Lussemburgo è ancora leader in termini di domiciliazione, distribuzione e servizi offerti ai fondi di investimento1. Questo settore in crescita continuerà a crescere con la determinazione di espandere investimenti responsabili e sostenibili. La lunga tradizione dell’asset management significa che il Lussemburgo acquisisce una parte sostanziale del capitale europeo investito in fondi comuni di investimento (quasi il 40% del patrimonio netto in OICVM e oltre il 25% del patrimonio netto in fondi comuni di investimento (OICVM + FIA) nell'Unione Europea. Questo, in aggiunta agli oltre 300 prodotti attualmente certificati dall'associazione LuxFLAG e ai circa 225 fondi comuni di investimentoche hanno ottenuto la certificazione ESG, ha consolidato lo status del Lussemburgo come piattaforma europea per la finanza verde e sostenibile.

Per avanzare ulteriormente, il paese deve essere in grado di imporre legittimamente le proprie etichette di certificazione tramite LuxFLAG. In tal modo, sarà possibile garantire la qualità dei fondi comuni di investimento che soddisfano le specifiche necessarie, nonché altri prodotti finanziari come i green bond. Le etichette LuxFLAG potrebbero essere legittimate ancora più velocemente se, come altre etichette europee, ottengono una certificazione europea a garanzia della conformità dei loro criteri di analisi alle normative europee. Il Lussemburgo è già riuscito a esportare le etichette LuxFLAG in dieci paesi dell’UE, attestando la sua credibilità e rappresentando un’opportunità per l'industria finanziaria lussemburghese nel suo complesso.

Cosa ci aspetta?

La tassonomia verde potrebbe essere solo agli inizi, ma vanta già un enorme potenziale come tema di molteplici pubblicazioni, studi, analisi e sondaggi volti a comprendere e vendere meglio la finanza verde.

Tuttavia, devono ancora essere apportati molti chiarimenti per fornire ai partecipanti ai mercati finanziari una guida migliore e incoraggiarli a offrire più prodotti verdi.

Per quanto riguarda il regolamento (UE) 2019/2088, la Commissione europea non pubblicherà gli standard tecnici di regolamentazione (alias “misure di livello 2”) questo autunno come inizialmente previsto. Per ottemperare al regolamento, asset manager e altri player del mercato finanziario dovranno quindi fare del loro meglio per interpretarlo entro il 10 marzo 2021, quando sarà applicabile la maggior parte delle misure di Livello 1.

Vale la pena notare, tuttavia, che lavorare troppo rapidamente per produrre dati senza alcuna standardizzazione dei processi di valutazione e / o altre metodologie per investimenti sostenibili e gestione del rischio può rivelarsi uno spreco di tempo ed energia. Le possibili e innumerevoli interpretazioni rendono la supervisione e i controlli di conformità un compito non facile, senza considerare infine la mancanza di dati affidabili o di metodologie testate, riconosciute e uniformi per valutare criteri che a questo punto sono ancora troppo incomparabili. 

 


1 Fonte: ALFI (Association Luxembourgeoise des Fonds d’Investissement – Luxembourg Investment Fund Association)

2 Source: LuxFLAG

Glossario:

OICVM: Organismi di investimento collettivo in valori mobiliari

FIA: Fondi di Investimento Alternativo


Article published in Agefi Lux on Wednesday November 11, 2020.

Ti è piaciuto questo articolo ?
+1